• Homepage
  • /
  • news
  • /
  • Richieste su organico e lavori in corso al carcere San Benedetto

Richieste su organico e lavori in corso al carcere San Benedetto

Arezzo – 23 gennaio 2023 – FNS Cisl Arezzo: “Su organico e lavori in corso al carcere San Benedetto, facciamo chiarezza. Chiediamo confronto con il Garante dei detenuti”. 

La FNS Cisl di Arezzo ritiene indispensabili alcune precisazioni riguardo le dichiarazioni del garante Regionale dei detenuti della Toscana apparse sulla stampa alcuni giorni fa.

“I lavori al san Benedetto vanno avanti da anni per problematiche dovute alle varie ditte che si sono avvicendate per fallimento – spiega  Alfonso Galeota della FNS Cisl di Arezzo – e il susseguirsi dei vari dirigenti generali ha contribuito a disperdere tempo prezioso, nonostante il continuo impegno della segreteria nazionale FNS Cisl che ha sempre verificato che venissero confermati i fondi destinati per il completamento dell’opera.

I lavori stanno proseguendo – prosegue Galeota – e certamente tutti avrebbero voluto che fossero già terminati per dare la giusta dimensione ad un Istituto che tornando a regime sarà efficiente per la gestione dei nuovi arresti e con la capienza ottimizzata a 104 posti”.

Una precisazione che arriva dal sindacato riguarda anche i numeri del personale che opera su Arezzo e la condizione delle porte delle celle. “Tra organico amministrativo e addetto alla sicurezza si attestano 32 unità; la metà è impiegato in compiti di presidio della sicurezza, mentre il nucleo scorte è anch’esso sottodimensionato è ad appannaggio della Regione. Da fonti ufficiali possiamo affermare  – spiega Galeota – che la questione delle porte è già da tempo sotto il vaglio del Dipartimento di Amministrazione Penitenziaria che ha incaricato ditte specializzate a  seguito di gara d’appalto per il sopralluogo teso a pianificare l’intervento di  allargamento delle stanze menzionate dall’articolo”.

Nella provincia di Arezzo insistono due arterie stradali A1 ed E45 e proprio in provincia di Arezzo vengono effettuati il 50% degli arresti che riguardano le due infrastrutture. Per questo, secondo le analisi della FNS Cisl, il San Benedetto é una struttura che resta indispensabile per il sud della Toscana. “I 30 posti disponibili nel carcere sono al momento a disposizione della Procura. I restanti arresti effettuati delle autorità giudiziarie aretine, per la incompleta ricettività vengono smistati in Regione, salvo poi essere  movimentati per le udienze dal personale del Nucleo scorte di Arezzo.

“Vogliamo quindi invitare a riflettere su questi dati – conclude Galeota – poiché senza scommettere su questa importante struttura sarebbe penalizzata l’intera città, che per la sua storia ha già perso tanto in termini di economia. Chiediamo allora al Garante Avv. Fanfani di voler avviare un confronto con la nostra organizzazione sindacale congiuntamente alle altre rappresentanze della Polizia Penitenziaria, nonché di forze politiche locali, Regionali e Nazionali affinché si possa completare l’opera di ristrutturazione della Casa Circondariale di Arezzo”.

CISL AREZZO

viale Michelangelo, 116
tel. 0575 354071 

ust.arezzo@cisl.it

(CAF)- TOSCANA SERVIZI

viale Michelangelo, 102
tel. 0575 28658
tel: 0575 401974

raccolta.arezzo@caf.it

PATRONATO INAS

viale Michelangelo, 116
tel. 0575 27935

arezzo@inas.it