• Homepage
  • /
  • news
  • /
  • Sicurezza nei cantieri, Filca-Cisl lancia 10 proposte

Sicurezza nei cantieri, Filca-Cisl lancia 10 proposte

Arezzo – 20 febbraio 2024 – “Fondamentale estendere le norme del codice degli appalti anche ai lavori privati”
Dopo la terribile tragedia di Firenze la Filca-Cisl ha deciso di lanciare a livello nazionale 10 proposte per la sicurezza in edilizia. Filca-Cisl, per prima, ha proposto di estendere ai lavori
privati alcuni istituti validi per gli appalti pubblici. “Mai come in questo momento – spiegano Marino Serafino, Gilberto Pittarello ed Antonio D’Angelo della Filca-Cisl di Arezzo – è fondamentale dare qualità e trasparenza al mondo delle costruzioni e proteggere il lavoratore. Le nostre proposte – aggiungono – partono da un passo non più rinviabile: estendere le norme del Codice degli Appalti anche ai lavori privati con maggiore concentrazione di manodopera, per fornire quei principi di trasparenza e digitalizzazione che permettano una partecipazione attiva e responsabile a tutti i livelli di rappresentanza, incluso il singolo cittadino”.
Tra le 10 proposte ci sono alcuni interventi efficaci da inserire anche nell’ambito dei lavori privati: ad esempio lo scorporo dal ribasso d’asta dei costi della sicurezza e del lavoro; il
mantenimento degli stessi standard contrattuali per tutta la catena d’appalto; la responsabilità in solido. Molto importante anche la formazione, che deve essere obbligatoria sia per gli operai che entrano in cantiere che per gli imprenditori che avviano un’attività edile, oltre a corsi di italiano per gli edili stranieri. I lavori più complessi, inoltre, devono essere affidati a imprese specialistiche, con esperienze almeno quinquennali e relativa certificazione.

Dal punto di vista di Filca-Cisl sono necessarie anche una banca dati pubblica delle certificazioni e dei soggetti che certificano, un sistema premiale per le imprese certificate dal sistema bilaterale, visite preventive dei tecnici del Cpt e un limite al numero di incarichi ai coordinatori della sicurezza, con obbligo di presenza in cantiere almeno settimanale.
Tra le altre proposte l’introduzione della figura del Promotore della Sicurezza (un consulente per le attività ispettive), l’affidamento preferenziale alle reti di impresa/aggregazioni di impresa per incentivare la strutturalità aziendale, il cartello digitale di cantiere trasparente per tutti gli appalti.